Politica

Ballottaggio, Minicuci alla Marcianò: "Vorrei camminare con te fino a Palazzo San Giorgio per mandare a casa questa classe politica inadeguata"

di Redazione - 27 settembre 2020 14:34

Si è tenuta presso la sede del coordinamento provinciale di Forza Italia una conferenza stampa di Antonino Minicuci, candidato a Sindaco di Reggio Calabria alla quale sono intervenuti il candidato sindaco dott. Antonino Minicuci, il coordinatore provinciale di Forza Italia On. Francesco Cannizzaro, i consiglieri regionali della coalizione di centrodestra Giovanni Arruzzolo, Domenico Gainnetta, Raffaele Sainato Forza Italia, Giuseppe Neri Fratelli d’ Italia, Giacomo Crino’CDL, Tilde Minasi Lega , Nicola Paris UDC. Presenti tutti i rappresentanti dei partiti e delle liste civiche della coalizione di centro destra.

"Abbia avuto un bel risultato - ha dichiarato Minicuci- adesso siamo pronti per affrontare il testa a testa e siamo convinti che Falcomatà, che è stato bocciato già dal 65 della popolazione, non avrà possibilità di sedere di nuovo a Palazzo San Giorgio. È stata una campagna elettorale strana e particolare  e sono venuto qui per fare qualcosa in più, non sono venuto a cercare benefici economici. Falcomatà rischierà di stare a casa per la legge Severino. Noi siamo garantisti, e su questo non andremo ad infierire."

Sull'appello dell'arcivescovo di presentare le Giunte prima del ballottaggio, il candidato del centrodestra: "noi avremmo delle figure importanti, professionisti e persone molto valide della società civile, soprattutto per quel che riguarda le finanze, il bilancio e l'urbanistica edilizia e sono tante nelle nostre liste. In più ci sarà il discorso delle deleghe ai consiglieri che hanno determinate caratteristiche e profili. Ma noi priviligeremo sempre il merito. Così come è stato sempre fatto, contrariamente a quello che ha fatto Falcomatà che ha preso tutti ragazzini e compagni di calcetto".

Su un probabile confronto con Falcomatà: "Io farò un grande confronto pubblico, per tutto il periodo che vuole lui e non ho alcun problema. Siamo a un bivioo, cittadini devono decidere se andare nella continuità o nella discontinuità. Se vogliono continuare ad andare con Falcomatà, sanno cosa ha prodotto. Poi, sapete già chi avete davanti, l'affidabilità di una persona che dovunque è andato è stato sempre corretto, onesto e professionale".

Per quanto riguarda a possibili appartamenti, Minicuci si è rivolto ad Angela Marcianò, che proprio ieri ha dichiarato Il proprio rifiuto a possibili accordi: "Cara Angela, ho un sogno, quello di camminare con te fino a Palazzo San Giorgio per mandare a casa questa classe politica inadeguata e vorrei anche che quando ci sarà il passaggio di consegne tra l’attuale sindaco uscente e me, tu sia al mio fianco per vedere in faccia chi ha distrutto questa città.