Politica

La città metropolitana entrerà in Atam. Castorina: "Prosegue il nostro impegno per il territorio"

Si è riunito ieri il Consiglio metropolitano. Approvato emendamento per emergenza Covid. Rinviate elezioni per il rinnovo

di L.L. - 28 ottobre 2020 09:10

Si è riunito ieri il Consiglio Metropolitano, in sessione straordinaria e urgente, con tutti i dirigenti dei 97 comuni che compongo l’intera area Metropolitana.

Nove proposte all'ordine del giorno. Approvata la surroga del Consigliere metropolitano Luigi Dattola con il Consigliere Massimo Ripepi e due emendamenti al Bilancio proposti dal consigliere Antonino Castorina: l'inserimento di 300mila euro che aprono lo spazio finanziario per entrare in Atam e trasformarla in un azienda di trasporto Metropolitano e 80mila euro da destinare alla famiglie più bisogne con risorse Anci.

"Prosegue il nostro impegno nella città metropolitana" dichiara il consigliere Antonino Castorina. "Approvata oggi la proposta sulla salvaguardia del bilancio che prevede l'ingresso della Città Metropolitana nell' azienda di trasporto pubblico locale Atam, perché sul sistema dei trasporti e della mobilità l'amministrazione Falcomatà ha fatto una scommessa con fatti concreti. Approvato anche un mio emendamento che prevede l'inserimento di 80mila euro finanziato da Anci rispetto a interventi che faremo per l'emergenza Covid in favore delle famiglie bisognose. E' una scommessa dell'amministrazione che stiamo portando avanti con serietà e impegno e che vuole vedere la città metropolitana al servizio dei cittadini, al servizio dei territori, sugli interventi programmatici che vanno dalla mobilità e i trasporti al tema della sicurezza e del sostegno alle fasce deboli".

Massimo Ripepi, già responsabile delle Città Metropolitane dell’ANCI nazionale, entra i consiglio metropolitano e coglie questo momento propizio per rilanciare alcune questioni, ribadendo che “la Città Metropolitana è paragonabile ad una Ferrari, che però in questo momento non sta viaggiando come dovrebbe. L’istituzione Metropolitana, infatti, potrebbe acquisire ingenti finanziamenti direttamente dalla Comunità Europea al pari degli Stati e delle Regioni, proprio attraverso i Piani strategici metropolitani e poter finalmente elaborare e costruire infrastrutture chiave per tutti i 97 comuni che ricadono nell’area provinciale reggina. Ovviamente, l’infrastruttura più importante e strategica è e rimane l’Aeroporto dello Stretto."

Sulle prossime elezioni del consiglio metropolitano, convocate dal sindaco per il 29 novembre, arriva un rinvio dal governo con il decreto “Ristori” che ha fissato il termine per procedere a nuove elezioni del consiglio metropolitano in 180 giorni dalla proclamazione del sindaco del comune capoluogo. "Atteso che il 20 e il 21 settembre scorso si sono svolte le elezioni amministrative con l'elezione del sindaco  - si legge nella relazione illustrativa - occorre ora procedere allo svolgimento delle elezioni dei consigli metropolitani ma la recrudescenza del virus fa ritenere necessario ed urgente, per la tutela della salute dei partecipanti alle elezioni, differire quel termine di ulteriori centoventi rispetto a quanto previsto dalla normativa a regime per il complessivo periodo di centottanta giorni".