Cronaca

Caso Corvi, Roberto Lo Giudice a Klaus Davi: "Sono innocente, ora emerga la verità"

di Redazione - 22 aprile 2021 12:15

"Questa vicenda ci ha colpito molto a tutti, in particolar modo a me personalmente e ai miei figli tutti. Sono dodici anni che non hanno fatto altro che puntare il dito contro un marito onesto e lavoratore, infangando la mia persona in tutti i modi. Fatto resta che a me è scomparsa una moglie di cui amo e ho sempre amato, rispettato e voluto bene. Non smetterò di chiedere giustizia. Come ben si nota la giustizia ha fatto il suo corso e chiederò con tutte le mie forze che si faccia piena luce su questa vicenda triste che ci ha colpito, senza escludere nessuno. Non sono un assassino, come sono stato dipinto. Non sono un mafioso e non appartengo a nessuna famiglia di 'Ndrangheta.

Io sono Roberto Lo Giudice un padre di famiglia, un uomo onesto che ha pagato fino a ieri le tasse, quindi è un mio diritto chiedere giustizia per tutto.

Avete messo a rischio non solo la mia vita e la mia famiglia , ma anche una famiglia che fino a ieri ha lottato in aula di tribunale e oggi continuano a lottare contro ogni tipo di mafia e ingiustizia, lavorando onestamente. Per ultimo chiedo di essere lasciato in pace e che la giustizia faccia il suo corso."

Lo ha dichiarato Roberto Logiudice in una dichiarazione scritta e audio rilasciata a Klaus Davi collaboratore di 'Fatti e Misfatti'. Klaus Davi che questa mattina ha dato per primo la notizia della scarcerazione di Logiudice pubblicandola sulla propria pagina alle ore 9, ben una ora prima che uscisse su altri organi di informazione.

Categoria : Cronaca