Ambiente

Ancadic: “Sollecito e rivisitazione interventi di difesa costiera e ricostruzione del litorale”

(Montebello Jonico-Scilla Foce Fiumara Sant’Anna- Favazzina)

di Redazione - 10 giugno 2021 15:02

“Da oltre vent’anni assistiamo ad interventi periodici di difesa costiera sul litorale di Lazzaro e oltre che non si rivelano idonei per arginare i danni provocati dalle mareggiate, giacché i marosi scuciono i pennelli e disperdono i massi lungo la spiaggia, quindi si è chiamati ad intervenire con ulteriore improprio utilizzo di denaro pubblico.Il settore 13 Difesa del Suolo Demanio Idrico e Fluviale della Città Metropolitana di Reggio Calabria con le somme disponibili, sicuramente non sufficienti, interviene con ulteriori provvedimenti tamponi che hanno breve durata”. È quanto dichiara l’Ancadic associazione per i diritti di cittadinanza 

“A nostro avviso -continua- è necessario visto l’esperienza maturata studiare le cause che hanno determinato il fallimento di questo tipo d’intervento e ricostruire i pennelli con maggiore resistenza all’azione dei marosi e eventualmente con un numero maggiore. La nostra impressione è che in questo caso tutti i progetti falliscono per insufficienza di finanziamento.          Pertanto chiediamo agli Enti territoriali competenti di fare una progettazione più complessiva e consistente, da qui la ovvia richiesta al Governo nazionale, che in atto sta rivedendo con attenzione le carenze idrogeologiche di tutto il Territorio, di erogare i finanziamenti per i progetti e successivamente per le opere da realizzare”.

“Il tutto -conclude l’Ancadic- a salvaguardia dell’incolumità pubblica e privata e delle infrastrutture esistenti in grave pericolo di essere distrutte dalle onde d’urto del mare. Lo scorso 9 giugno abbiamo inviato la succitata segnalazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro della Transizione Ecologia, al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti; al Presidente f.f. e all’Assessore alle Infrastrutture, Trasporti urbanistica, lavori pubblici e pari opportunità della Regione Calabria; al Sindaco della città metropolitana di Reggio Calabria e al settore 13 - difesa del suolo e demanio idrico e fluviale; alla Capitaneria di Porto di Reggio Calabria al Prefetto della provincia di Reggio Calabria e al Sindaco del Comune di Motta San Giovanni”.

Categoria : Ambiente