Cultura

Reggio dà il benvenuto al nuovo Arcivescovo Monsignor Morrone: “Ripartiamo dalla bellezza”

Falcomatà: “Una grande emozione, il Vescovo è consapevole già da adesso del meraviglioso luogo in cui si trova ad operare, con tutte le difficoltà che si porta dietro una città come Reggio”

di Martina Laface - 12 giugno 2021 14:00

Questa mattina a Palazzo “Corrado Alvaro” si è tenuta la cerimonia di benvenuto al nuovo Arcivescovo di Reggio Calabria, Monsignor Fortunato Morrone. Una calorosa ed emozionante accoglienza che ha visto, oltre la presenza del Sindaco Falcomatà, le massime autorità reggine come il Prefetto della Città Massimo Mariani e le autorità civili e militari.

Il primo cittadino ha subito salutato sua eccellenza dichiarando che la città “si è sempre aggrappata alla sua guida e al suo padre spirituale, specie nei momenti più difficili per superare le difficoltà ma anche per vivere al meglio i momenti di crescita. La nostra città da qui ai prossimi mesi si appresta a vivere una fase di grandi trasformazioni e di profondi cambiamenti sui fronti della pianificazione e progettazione dello sviluppo urbanistico, economico, culturale e sociale. E poter condividere questo nuovo cammino al fianco della chiesa reggina è motivo di grande conforto e di rinnovato entusiasmo”.

Infine ha aggiunto: “Reggio si porta dietro tante difficoltà del presente ma con le grandi possibilità del futuro. Sentire parlare di sogno, sentire parlare di sinergia tra tutte le istituzioni; ascoltare parole rivolte alla comunità che naturalmente deve sentirsi protagonista di questo percorso. L’impresa più difficile tra tutte è quello di essere costruttori di speranze”.

Monsignor Morrone ha aperto il suo discorso ringraziando di cuore la Città e, parlando di bellezza e sogni, ha detto: “Dobbiamo dimostrare di essere all’altezza della situazione e la rinascita della Calabria. E’ la luce che svela le ombre e quindi la bellezza che ci circonda. Lasciamoci condurre dalla luce che abita la vita di ogni persona perché da soli non si va da nessuna parte. Reggio sia faro di luce per tutta la Calabria”.

“Mi sento a casa - ha concluso l’Arcivescovo- le parole del Sindaco mi hanno riscaldato il cuore; e su quello che si è stato detto mi pare che siamo in sintonia. Il nostro motivo di fondo è di lavorare insieme per il bene di questa città. Se è vero, così dicono, che Reggio Calabria ma anche l’arcidiocesi è la più attenzionata per tanti motivi come chiesa, allora diamoci da fare”.

Benvenuto Monsignor Morrone!