Attualità

Protocollo marginalità sociali in Prefettura, Falcomatà: “Lavoriamo insieme per maggiori diritti, sicurezza e integrazione”

La Città metropolitana di Reggio Calabria ha siglato in Prefettura il documento per il superamento delle marginalità sociali presenti nella tendopoli di San Ferdinando e delle altre aree della Piana di Gioia Tauro

di Redazione - 25 settembre 2021 09:01

“La Città Metropolitana di Reggio Calabria fa parte con orgoglio, insieme a tantissime altre città italiane ed estere, della rete internazionale "From the sea to the city", sul fronte dell’integrazione e dell’accoglienza e per la condivisione di una strategia comune sui fenomeni migratori, nella piena consapevolezza che queste politiche debbano essere sviluppate ponendo sempre al centro i temi dei diritti, della sicurezza dei nostri territori, della solidarietà e della responsabilità nella protezione delle persone”. E’ quanto affermato dal Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, a margine della firma del protocollo d’intesa per il superamento della marginalità sociale e delle situazioni di degrado dei migranti presenti nella tendopoli di San Ferdinando e delle altre aree della Piana di Gioia Tauro. Accordo siglato in Prefettura alla presenza del Prefetto di Reggio Calabria, Massimo Mariani, del capo Dipartimento per le Libertà civili e l'immigrazione del Ministero dell'Interno, Michele Di Bari, del presidente f.f. della Regione Calabria, Nino Spirlì e dei Comuni firmatari San Ferdinando, Rosarno e Taurianova.

“Quindi quello di garantire ospitalità, accoglienza e integrazione nel miglior modo possibile, - ha poi aggiunto il Sindaco Falcomatà - rappresenta un tema centrale che ci permette innanzitutto di evitare che queste persone possano finire nelle mani sbagliate, a cominciare dalla criminalità organizzata e naturalmente, nel contempo, favorire quei percorsi di inserimento sociale e lavorativo che consentono una piena e autentica integrazione. In questo contesto, la Città Metropolitana farà la propria parte anche rispetto a quanto previsto da questo protocollo d'intesa, con riferimento ad esempio alle opere di bonifica dell'area di San Ferdinando dopo la realizzazione degli interventi previsti. E' importante inoltre – ha evidenziato il Sindaco metropolitano - che tale protocollo resti aperto anche ad altre attività che sono in essere, penso ad esempio ad un intervento maturato proprio nei giorni scorsi al culmine di una intensa attività di programmazione che abbiamo condotto in questi mesi nel quadro del bando "Qualità dell’abitare", promosso dal Governo per favorire progetti di rigenerazione e riqualificazione urbana e il recupero di quartieri popolosi. Un'azione che ci ha consentito di elaborare un progetto del valore di circa quindici milioni di euro, giunto ora a finanziamento, per la riqualificazione dell'area della Ciambra. Il protocollo firmato oggi – ha poi concluso Falcomatà - va in questa direzione e noi siamo pienamente disponibili a condividere questo percorso all'interno della cabina di regia prevista all'interno del documento. Crediamo sia questo il modo migliore per camminare insieme e rafforzare ulteriormente l'attività di programmazione che tutti gli enti coinvolti stanno mettendo in atto su queste delicate e fondamentali tematiche".