Cultura 0 Commenti 1 Condivisione

Grande affluenza per la mostra Dialoghi di Ilia Curró

27 novembre 2018 22:55

Si è conclusa registrando un’affluenza, in poco più di 10 giorni, di circa 700 visitatori la mostra personale DIALOGHI di Ilia Currò. L’esposizione, inserita nel contest culturale Herèditas curato da Elmar Elisabetta Marcianò ha aperto un lungo calendario che vedrà protagonisti fino al prossimo 8 gennaio esponenti nazionali ed internazionali dell’arte contemporanea. Inaugurata lo scorso 16 novembre, l’esposizione ha attirato un vasto pubblico di addetti ai lavori, artisti e tantissimi curiosi di ogni fascia di età ed estrazione culturale che hanno ampiamente apprezzato le opere della scultrice messine allestite dentro l’ipogeo di piazza Italia. Promotrice di questo e del contest Herèditas l’associazione culturale scientifica IN. SI. DE che da ormai 4 mesi gestisce i siti cittadini lavorando giornalmente in sinergia con l’assessorato alla valorizzazione dei beni culturali e la soprintendenza di Reggio Calabria. L’obiettivo comune ha fatto si che si registrasse già da questo primo evento un notevole risultato di pubblico ed apprezzamento delle opere della scultrice messinese che ben si integravano con il sito archeologico esaltandone le peculiarità e le atmosfere senza tempo. DIALOGHI è stato un momento di riflessione sulla difficoltà della comunicazione contemporanea, un luogo di incontro a più voci giornaliero che ha lasciato in ognuno dei visitatori spunti di riflessione forti e profondi. Alla base di tutto un grande lavoro che ha permesso ha lasciato un ricordo importante a Reggio Calabria. Gli scavi che attraverso le tante stratificazioni raccontano una storia di secoli e lasciti si sono arricchiti di teste d’argilla patinate e sculture che si muovevano silenziose tra le mura, “galleggiando” leggere dentro la memoria di una città mille volte distrutta, mille volte rinata. Una città morbida come l’argilla, dura e resistente come la pietra. Volti che sembravano parlare ai visitatori raccontando ad ognuno la propria storia unica ed irripetibile in un dialogo che si è potuto infine consumare trovando il suo luogo e il suo logos.

Categoria : Cultura
Galleria fotografica