Cronaca Commenti Condivisioni

Reggio, da lunedì chiuso laboratorio analisi via Willermin: l’unico tecnico in servizio trasferito a Locri

11 maggio 2019 18:36

“Ancora, per l'ennesima volta, gli amministratori dell'ASP 5 fanno vivere all'utenza una nuova " telenovela" fra il surreale ed il kafkiano.

Apprendiamo che l'unico tecnico in servizio presso il laboratorio di analisi della struttura 1 di via Willermin è stato trasferito dalla triade commissariale senza la preventiva, ovvia sostituzione.

Essendo fondamentale, anche su piano formale e giuridico, la presenza di tale figura, ci domandiamo cosa accadrà dal prossimo lunedì, giorno della annunciata chiusura.

E ci rispondiamo, anche: succederà che tutti i cittadini che hanno diritto all'esenzione dovranno pagare gli esami di cui necessitano e dovranno farlo recandosi presso i laboratori privati con sensibile aggravio di spesa per le già esangui, anzi deficitarie casse regionali.

Ora, è mai possibile che Generali, Colonnelli, Prefetti, Viceprefetti, Dirigenti del Mef non riescano a comprendere i più basilari principi che governano il così delicato settore sanitario?

Che cioè non si possa muovere una figura se prima non si è provveduto a sostituirla soprattutto se formalmente indispensabile?

Che tutto questo comporta stallo, inefficienza e notevoli spese aggiuntive?

A meno che i Commissari, rinchiusi nella loro turris eburnea, sordi e ciechi rispetto a qualunque richiesta di incontro, non abbiano in mente altri obiettivi che, apprendiamo informalmente, verranno esplicitati a fine giugno allorché si paventa addirittura la chiusura del laboratorio di via Willermin.

E questo ci fa pensare ad una politica di accentramento e non invece di decentramento per come si converrebbe per una Sanità che vuole davvero funzionare.

Essere Commissari non significa ritenersi unici e soli ma significa dovere ed opportunità di concertazione e, possibilmente, condivisione.

Anche perché, chi lavora da decenni nel settore è certamente in grado di dare qualche modesto suggerimento a chi, magari sì ne sa di più, ma in materia diversa da quella sanitaria.

Ci impegneremo, ancora una volta, perché non siano i cittadini incolpevoli a dover pagare nuovamente il salato conto (in tutti i sensi)”.

È questa la nota stampa di Giuseppe Martorano- Segretario Generale FIL

Categoria : Cronaca