Attualità 0 Commenti 75 Condivisioni

Reggio, dissesto finanziario? Castorina:”Se non ci sono le condizioni economiche, si procederà di conseguenza”

13 marzo 2019 11:12

Scongiurare il dissesto finanziario; il sindaco tenta il tutto per tutto e vola a Roma per incontrare i vertici dell’ Anci e chiedere interventi per evitare la dichiarazione di dissesto finanziario dell'ente. Un tentativo ‘disperato’ perché oltre alla sentenza della Corte costituzionale, il problema più importante è la sospensione del rientro del debito in 30 anni . Se non si riusciranno a trovare rimedi non si potrà approvare il bilancio di previsione entro il 31 marzo.

“La situazione economica dell'ente è preoccupante” ha dichiarato Antonino Castorina “ una situazione che già si porta avanti da tempo e che tramite gli interventi dei governi Renzi e Gentiloni ha trovato delle soluzioni fattibili, ora ci sono dei fatti nuovi e rispetto a questo il sindaco Falcomatà è già a Roma insieme al vicesindaco Mauro per portare avanti con il governo e trovare una soluzione che possa rendere il nostro comune diciamo sostenibile dal punto di vista economico rispetto alle situazioni che abbiamo ereditato”.

“ Chiaramente noi siamo in prima linea per cercare di salvare la nostra città da una situazione economica precaria che chiaramente abbiamo ereditato” continua Castorina.

“È evidente che da questo punto di vista c'è una preoccupazione da parte di tutta l'amministrazione e da parte di tutta la città. Abbiamo fatto anche un tavolo tecnico con i nostri dirigenti per approfondire tutte le poste in bilancio e anche i debiti che noi abbiamo con gli altri enti tra cui la regione Calabria. È evidente però che se dobbiamo fare anche un'analisi politica diciamo che la gestione dei commissari non ha Certamente favorito il percorso di risanamento delle casse dell'ente”.

E su un’eventuale dichiarazione di dissesto finanziario:

“Se non ci sono le condizioni economiche per andare avanti e se non riusciamo ad andare avanti con quelli che sono gli strumenti legge rispetto a quelli che sono le normative vigenti, chiaramente si procederà con gli atti consequenziali.

È evidente che noi non possiamo falsificare i bilanci per i quali invece abbiamo combattuto. Per cui se con tutte le interlocuzioni che stiamo portando avanti e che vedono il sindaco in prima linea , se i ragionamenti che stiamo realizzando con i dirigenti del settore e gli esperti che Abbiamo consultato per provare a trovare soluzioni non porteranno a compimento, sicuramente procederemo con gli atti consequenziali”.

Quindi probabilmente ci sarà  la possibilità  di consegnare la chiavi del comune..,.

Categoria : Attualità