Cronaca

Reggio, entra nel recinto delle tigri al Circo Togni e viene azzannato: rischia di perdere braccio

di redazione - 24 dicembre 2018 17:38

Si è introdotto nudo nella gabbia delle tigri di un circo che ha montato il tendone a Reggio Calabria e le belve gli hanno quasi staccato a morsi un braccio che gli è stato comunque amputato in ospedale. E' successo questa mattina, alle ore 5, nella zona Tempietto della città dello Stretto. Il protagonista è un giovane di 25 anni, georgiano.  Allertati i soccorsi dagli stessi inservienti del circo, l'uomo è stato trasportato in ambulanza, scortata dalle Volanti, al pronto soccorso del Grande ospedale metropolitano. Qui l'uomo si è risvegliato ed ha seminato il panico, aggredendo chiunque gli capitasse davanti. Una giovane che assisteva la madre è stata colpita con delle forbici. L'uomo è stato immobilizzato dai tre agenti delle Volanti che avevano scortato l'ambulanza e stazionavano fuori dal pronto soccorso. Anche i poliziotti hanno riportato ferite e contusioni. I medici hanno dovuto amputare il braccio all'uomo, che è stato dichiarato in arresto.

La direzione del circo in un post su Facebook intende precisare quanto appresso specificato : 

“alle ore 4.45 il detentore guardiano delle tigri stava a pochi metri dal carro tigri , dopo aver completato il consueto giro di controĺlo,all’interno della sua abitazione a consumare bevanda calda, improvvisamente sente uno strano lamento e si affaccia dalla porta notando un individuo completamente nudo all interno della recinsione esterna al carro tigri,immediatamente si precipita chiamando altro personale all’interno della stessa, riuscendo a far mollare la presa agli animali.

Il ragazzo è stato portato fuori dallo spazio, coperto con accappatoio e bloccato afflusso sangue dell’arto, nel frattempo veniva avvisato il 118 e la polizia.

La stessa polizia ha accertato anche attraverso testimonianze esterne che il ragazzo era nudo e aveva scavalcato la doppia recinsione di sicurezza in quanto tutto il perimetro risultava chiuso e le tigri all’ interno del loro carro in totale sicurezza.

Dopo essere stato trasportato dal 118 e polizia in ospedale il ragazzo ha aggredito le persone presenti e personale di polizia, dimostrando segni di squilibrio. E stato appurato che il ragazzo abita in Reggio Calabria in quanto è stata rintracciata la Madre, e dunque lo stesso non è alle dipendenze del circo o conosciuto dai circensi.

Siamo spiacenti per episodio che ci trova coinvolti nostro malgrado, e ringrazio la polizia, il 118, carabinieri forestall,asp e autorita giudiziaria per il lavoro svolto, siamo solidali con coloro Che sono stati coinvolti al pronto soccorso ospedaliero nell’ aggressione del ragazzo incriminato”.

Categoria : Cronaca