Attualità

Reggio, questione rifiuti. MNS e Reggio Futura: contratto AVR in scadenza, il porta a porta un fallimento. Cosa succederà tra due mesi?

di Lucia Laface - 05 ottobre 2019 15:55

Si avvia a scadenza il contratto di affidamento dei servizi di raccolta all'Avr e precisamente nel mese di novembre, salvo qualche contratto di proroga da parte dell’amministrazione comunale, inevitabile per garantire il servizio alla cittadinanza, e nel contempo il sindaco Giuseppe Falcomatà, in una recente dichiarazione pubblica, annuncia di voler ritornare ad internalizzare il servizio attraverso la creazione di una società in house gestita dalla Città metropolitana.

Dichiarazione che inevitabilmente ha scaldato gli animi del centrodestra, in particolare modo dei rappresentanti del Movimento Nazionale Sovranità e Reggio Fututa che stamattina hanno convocato una conferenza stampa per tirare le somme ed esprimere perplessità sulla gestione dei rifiuti e il fallimento del porta a porta.

"Il servizio di gestione dei rifiuti affidato all’ AVR dai commissari subito dopo lo scioglimento del comune per infiltrazioni mafiose, costa alla collettività circa 25 milioni l'anno e il risultato lo vediamo giornalmente nelle strade e nei quartieri, dovunque ci sono cumuli di spazzatura e i mastelli sempre pieni. Un servizio di raccolta che in questi anni ha lasciato molto a desiderare, oggi noi non mettiamo in discussione la raccolta differenziata perché ovviamente è un obiettivo a cui tutti propendiamo ma ovviamente critichiamo i metodi che secondo noi sono da rivedere" ha esordito il presidente di Reggio Futura Giuseppe Agliano."E poi c’è anche da capire questo nuovo percorso che l'amministrazione ha dichiarato di voler intraprendere con una società in House, far tornare il servizio di raccolta rifiuti all'interno dell'amministrazione. Con quale criterio? Con quali mezzi? Con quali prospettive? Questa amministrazione in 5 anni ha consolidato un debito di 140 milioni, tra servizio idrico e nettezza urbana. Duecento milioni di euro è il debito verso l’ex Leonia che ha chiesto un risarcimento danni, dopo che la stessa è stata riabilitata dopo essere stata sciolta per mafia con l’assoluzione del rappresentante legale. Quindici milioni di euro è il debito verso l'AVR che non riesce nemmeno a pagare i lavoratori. Durante la legislatura in corso il comune di Reggio non paga la regione Calabria per la tassa sui rifiuti per circa 45 milioni di euro e per finire il contenzioso con il servizio idrico sempre con la regione per 65 milioni di euro. Un debito di 140 milioni di euro che i cittadini dovranno pagare nei prossimi anni".

Saverio Laganá, Dirigente nazionale del MNS, si sofferma sull’opportunità di trovare delle soluzioni alla criticità della Raccolta differenziata. Sono molte le cittá che da tempo hanno adottato il porta a porta "ma non si ritrovano nelle nostre condizioni. Evidentemente c'è la possibilità di trovare una soluzione - ha detto. Avremmo preferito un'amministrazione che seduta ad un tavolo con tecnici e rappresentanti dei cittadini avesse cercato soluzioni,istruito e perché no incentivato la città”.

La delegata nazionale del MNS,Ersilia Cedro espone tutte le problematiche inerenti "il fallimento della raccolta differenziata, impianti di trattamento strapieni, materiali riciclabili che non trovano destinazione d'uso, incendi dolosi dei cumuli di spazzatura che provocano un danno ambientale. Non c'é controllo, il comune è incapace di controllare questa situazione. E questo è il risultato. Siamo in emergenza, il contratto di AvR scadrà a breve come anche l'amministrazione Falcomatá, se nel frattempo AVR non avrà una proroga, come è possibile immaginarsi, cosa succederà? L'augurio di tutti noi è quello che i prossimi inquilini di Palazzo San Giorgio sapranno porre rimedio a questa drammatica esperienza di legislatura".

Giuseppe Sergi, vice presidente di Reggio Futura, guarda oltre " A gennaio che succederà ? Questo è un problema serio,come si fa a creare una società in house in due mesi? E i lavoratori AVR che fine faranno? Perché sembra che sono stati loro i colpevoli di questa situazione mentre tutti sappiamo bene che loro alla fine ne stanno pagando le conseguenze".

Categoria : Attualità