Attualità

Reggio, stato di agitazione Vigili Urbani: “Senza risposte certe, chiederemo incontro prefetto”

Continua la protesta per la mancanza di condizionatori all’interno del Comando

di Redazione - 10 luglio 2019 16:07

Secondo giorno di protesta dei lavoratori della Polizia Municipale, oggi scesi in Piazza Italia per proclamare lo stato di agitazione per le condizioni in cui versano gli uffici del Comando privi di sistema di condizionamento e scarse condizioni igienico sanitarie.

 “Avevamo già preannunciato nel primo giorno di protesta di fronte il comando di viale Aldo Moro - spiega il coordinatore delle polizie locali Cisl Fp Giuseppe Falcone- all'autorità di Pubblica Sicurezza e all'amministrazione che avremmo fatto un secondo sit-in presso Piazza Italia se non avessimo ricevuto risposte adeguate riguardo i problemi nella climatizzazione all'interno dei locali del comando. Risposte ufficiali non ne abbiamo avute, temiamo che la tempistica sia molto lunga, una comunicazione da parte del dirigente diceva che i componenti mancanti arrivano dalla Federazione Russa, ciò vuol dire che praticamente passeremo tutta l'estate senza climatizzatori. Questi problemi non riguardano solo la polizia municipale, ma sono abbastanza diffusi in tutti gli altri uffici del comune di Reggio Calabria, da noi la situazione è più drammatica perché non abbiamo neanche la possibilità di aprire le finestre e comunque di poter fare arieggiare i locali. Mi domando, ma bisognava aspettare a giugno per poter fare questa richiesta? Oppure si poteva fare già da tempo, anche in inverno siamo stati senza sistema di climatizzazione all'interno, dovendo subire anche il freddo”.

I lavoratori dichiarano quindi lo stato di agitazione e, nel caso in cui il problema non si risolva in tempi brevi, chiederanno un incontro in prefettura.

Categoria : Attualità