Cronaca

Reggio, truffe assicurative: nei guai due medici , uno è consigliere comunale di FI -NOMI-

di Redazione - 13 novembre 2019 15:10

E' Bruno Falcomatà, in servizio nel pronto soccorso dell'ospedale metropolitano 'Bianchi-Melacrino-Morelli' di Reggio Calabria, il medico arrestato e posto ai domiciliari nell'ambito dell'operazione "Assicurato" condotta dalla Guardia di Finanza con il coordinamento della Procura di Reggio Calabria, su una serie di truffe ai danni delle assicurazioni. Assieme a Falcomatà sono stati arrestati Nicola Gullì, tecnico del reparto di radiologia, e Vincenzo Benedetto e Francesco Cilione, ritenuti gli ideatori della presunta truffa ai danni delle compagnie di assicurazione che ha fruttato oltre cinquantamila euro grazie a certificazioni false. Gli indagati, complessivamente sono dieci. Le altre persone indagate sono due soggetti coinvolti in un falso incidente stradale Valentino Maria Eroe e Caterina Cangemi. Assieme a loro sono stati iscritti nel registro degli indagati anche il medico Giuseppe D'Ascoli, in servizio nel reparto di neurochirurgia dell'ospedale di Reggio Calabria, consigliere comunale eletto nelle liste di Forza Italia, e il medico legale Vincenzo Prastaro, nei cui confronti, però, secondo il gip, non c'è "un quadro indiziario connotato da gravitàtale da giustificare un provvedimento cautelare". Indagato altresì Paolo Cilione e Domenico Scevola, agenti della polizia municipale di Reggio Calabria.