Sport 0 Commenti 20 Condivisioni

Viola, Fusco:"Domenica è una gara importante e noi abbiamo bisogno del sostegno della nostra gente"

09 gennaio 2019 09:22

Si conclude l’iter della gestione provvisoria che ha garantito la sopravvivenza della Viola. Propiziata dal prezioso lavoro di Sindaco e Istituzioni, dal coinvolgimento del Comitato “Mito Viola” e l’organizzazione dei tifosi e dall'impegno di tutti i componenti della Società, tale azione sta garantendo la continuità regolare della stagione sportiva.

Il neo liquidatore Attilio Fusco, a poche ore dalla nomina, si presenta così ai microfoni di Radio Antenna Febea: “La mia nomina nasce per caso, grazie ad una telefonata dell’ Avv. Aurelio Leuzzi. Io, pur prendendomi un pò di tempo, in cuor mio avevo subito accettato. Seguo al Viola da quarant'anni, so bene che l’impegno è gravoso, occorre avere le “spalle larghe”, lavorare tante ore al giorni, dirimere problemi, snocciolare dati, ma c’è tutta l’intenzione di andare avanti verso questo progetto”.

La Viola è in liquidazione, una fase forse inevitabile per guardare al futuro:

“La Viola in liquidazione vuol dire che c’è un’amministrazione che si occupa del corrente e che potrebbe portare a termine il progetto che abbiamo in mente, quello di riportare “in bonis” la società e darle un futuro ridando alla Viola la normalità e il blasone che merita”.

Contestualmente alla sua nomina arriva anche la conferma di tutto l’organigramma societario

“Nel momento in cui ho accettato ho visto cosa animava le persone che ci sono dentro la Viola. Vorrei ringraziare innanzitutto il Comitato “Mito Viola” ed il “Trust” dei tifosi, senza di loro oggi non parleremmo di nulla. All'interno della società ho trovato professionalità che meritano di essere confermate, ho visto gente animata dalla passione, dall'amore viscerale verso questa società. Io con loro posso solo trovarmi bene, è stata una fortuna conoscere gente che ama questi colori”.

Diamo uno sguardo a quelli che saranno i prossimi passaggi.

“Lo scenario è quello di una società che cerca non di sopravvivere ma di vivere con normalità, se non avessimo avuto la certezza di uno sponsor, la cui ufficialità dovrebbe essere imminente, non potremmo essere così fiduciosi. Li aspettiamo a giorni in città. Se si usano i giusti strumenti il campionato potrà essere portato a termine, occorrerà però coinvolgere i tifosi, le istituzioni, la Viola non può essere fuori dal contesto cittadino. La porta del “Pianeta Viola “è aperta a tutti, con il confronto e la buona volontà non ci saranno problemi”.

La sede è nuovamente a Reggio Calabria così come si è proceduto al formale mutamento della denominazione sociale.

“Dal momento della mia nomina ho chiesto che la sede fosse riportata a Reggio Calabria così come fosse cambiata la denominazione sociale. Noi siamo la Viola Reggio Calabria. Ai tifosi dico di sostenerci, abbiamo un gruppo di ragazzi che va premiato. Hanno deciso di rimanere qui in un momento difficilissimo, sono stati plagiati da un grande coach che si è fatto carico di tante problematiche. Domenica è una gara importante e noi abbiamo bisogno del sostegno della nostra gente. Questi ragazzi hanno dimostrato attaccamento alla maglia e senso di appartenenza”.

Categoria : Sport